5 rimedi per smaltire il Thc velocemente e non essere beccati

Sei un fumatore di marijuana. Ti hanno comunicato un esame improvviso. Hai paura di essere beccato. Ti metti subito alla ricerca di rimedi per smaltire il Thc velocemente. Ho indovinato? Inoltre, per quanto tempo è rintracciabile il Thc nel nostro organismo?

Sei nel posto giusto. Ti aiuto io. Diamo subito risposte alle tue domande. Mettiti comodo. Ruba pochi minuti al tuo tempo. Buona lettura.

Indice

Come smaltire THC

Come smaltire il Thc velocemente

Non esistono ricerche scientifiche a riguardo. Ma rimedi per smaltire velocemente il Thc testati da persone che fumano marijuana in vista di un esame. Vediamoli di seguito.

Fare sport

Il Thc viene scomposto dal fegato in metaboliti. E sono questi che vengono ricercati dai test antidroga. I metaboliti del Thc si accumulano nelle cellule adipose.

Cosa significa? Più massa grassa più il Thc sarà rintracciabile. Fai attività fisica. Sii un tipo sportivo. Riduci la massa grassa e ridurrai la possibilità che il Thc sia rilevato. La sudorazione aiuterà il processo di smaltimento.

Ricorda. Ferma gli allenamenti pochi giorni prima dell’esame. L’attività fisica velocizza lo smaltimento dei metaboliti nelle urine. Allenarsi a ridosso di un test potrebbe portare risultati opposti.

Mangiare fibre

Aggiungi cibi ricchi di fibre alla tua dieta. Perché? Le fibre aiutano il corpo ad espellere i metaboliti tramite l’intestino invece che dalle urine.

Bere tanta acqua

Il metodo casalingo per eccellenza. Bere tanta acqua nelle 24 ore prima di un test. L’obiettivo è quello di diluire l’urina e abbassare la percentuale di Thc contenuta in essa.

Bisogna stare attenti. Oggi molti test controllano il livello di creatina. Un dato troppo basso equivale ad un campione diluito. Questo potrebbe destare sospetti e ripetere l’esame. Ma si può rimediare. Mangiare carne rossa nei giorni precedenti riporterà la quantità di creatina nelle urine nella norma.

Assumere zinco

Uno studio ha scoperto che lo zinco può alterare un esame urinario producendo un risultato falso negativo. Il consumo di integratori di zinco può interferire con il rilevamento dei metaboliti del Thc nelle urine tra le 12 e le 18 ore.

Stai attento a quale pipì consegnare

Il giorno delle analisi ricorda di non dare né la prima né la seconda pisciata del giorno. Sono le più ricche metaboliti. Inoltre, nel raccoglitore evita di fornire le prime e le ultime gocce. Contengono scorie maggiormente individuabili.

Leggi anche: Rimedi (efficaci) per smaltire gli effetti della marijuana

Per quanto tempo il Thc rimane nel tuo organismo

Il periodo di tempo in cui il Thc rimane rintracciabile nelle tuo organismo dipende da due fattori. La frequenza con cui si fuma marijuana e il test a cui dovrai sottoporti.

Test delle urine

Dall’ultima volta che abbiamo fumato, i metaboliti della cannabis sono rilevabili nelle urine per:

  • 3 giorni se sei un consumatore occasionale (da una a tre volte a settimana)
  • 5–7 giorni se sei un consumatore moderato (quattro volte a settimana)
  • 10–15 giorni se sei un consumatore cronico (giornaliero)
  • Oltre 30 giorni se sei un consumatore cronico pesante (più volte al giorno)

Test salivari

La cannabis può essere rilevata nella saliva per:

  • Consumatori occasionali: 1–3 giorni
  • Consumatori cronici: fino a 29 giorni

Analisi del sangue

La cannabis rimane rilevabile nel sangue per 1–2 giorni. In alcuni casi è stata rilevata fino a 25 giorni dopo. Tutto dipende sempre dalla frequenza d’uso.

A differenza dei test delle urine gli esami del sangue cercano la presenza del Thc stesso. Ma sono meno comuni per il loro costo più elevato.

Analisi del capello

Il consumo di cannabis potrà essere rilevato nel capello fino a 90 giorni. Tra i più temuti. Per la sua attendibilità e la difficoltà nel poterlo eludere.

Il test del capello consiste nel tagliare due o tre ciocche di capelli da diverse zone della testa. Ciocche di 4 cm sono sufficienti per rilevare se la persona ha assunto marijuana fino a 4 mesi precedenti.

Rasarsi non è la soluzione. Se i capelli non raggiungono i 3 cm il test verrà realizzato sui peli ascellari o pubici. Avendo una crescita ancora più lenta permetteranno analisi ancora più indietro nel tempo.

L’unico modo certo per risultare negativi è smettere di fumare marijuana.

Leggi anche: La marijuana crea dipendenza? Sintomi e come fare (realmente) per uscirne

Non farti beccare

E tu? Sei mai stato sottoposto ad uno di questi test? Hai utilizzato questi rimedi o altri ancora? Fammelo sapere qui sotto. Li aggiungerò alla lista. Ci vediamo nel prossimo articolo.

Autore: Raffaele Migliucci

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *