La marijuana crea dipendenza? Sintomi e come fare (realmente) per uscirne

Nelle compagnie di ragazzi, e non solo, è solito fumare marijuana. Spesso però si esagera. Il tempo passa e senti che non ne puoi fare a meno. Decidi di smettere e avverti crisi di astinenza. La domanda sorge spontanea: ” La cannabis crea dipendenza? “

Se si, vorresti conoscerne i sintomi. Porre rimedio e capire come uscirne. Ed eccoti di fronte allo schermo del tuo pc che cerchi risposte. Sei nel posto giusto. Pochi minuti per leggere questo articolo e il gioco è fatto. Partiamo.

Indice

dipendenza marijuana

Assuefazione: il primo step verso la dipendenza

Chiunque abbia fumato uno spinello, può affermare che le prime volte gli effetti della cannabis vengono percepiti dall’organismo in maniera travolgente. Questo perché? E’ la nostra prima esperienza.

Continuiamo a fumare erba quotidianamente. Ci sembra che gli effetti diminuiscano ogni giorno che passa. Ed è proprio così. La marijuana, anche se in maniera decisamente più lieve rispetto alle altre droghe psicoattive, crea assuefazione.

Il nostro organismo ha sviluppato tolleranza. Cosa significa? I consumatori abituali saranno costretti ad assumere dosi sempre più elevate per percepirne gli effetti. La conseguenza di un uso smodato e di quantità sempre maggiori è la dipendenza da cannabis.

Per approfondire: Perché non abusare di cannabis. Gli effetti collaterali.

Dipendenza da cannabis: sintomi e quando smettere

Secondo uno studio. Condotto dal National Institute on Drug Abuse. Circa il 30% delle persone che fanno uso di marijuana quotidianamente possono sviluppare dipendenza da cannabis.

I sintomi che testimoniano un uso incontrollato:

  • Assunzione di dosi sempre più elevate.
  • Desiderio incontrollato di fumare.
  • Ossessione. La cannabis diventa una priorità per il soggetto fumatore.
  • Incapacità di limitare il consumo di marijuana.
  • Negazione. L’individuo non ammette un suo uso eccessivo.

Questi sono chiari segnali da prendere in considerazione. Una pausa è quello che ci vuole. Il fumare erba deve essere un piacere, non una costrizione mentale da cui dobbiamo dipendere.

Dipendenza da canne come uscirne. Guida in 3 passaggi

  • Consapevolezza. Il primo passo per smettere di fumare canne è ammettere a se stessi l’esistenza di un problema. Riconoscere la situazione in cui ci si trova è il primo step per poterne uscire.
  • Obiettivo. Perché hai preso questa decisione? Stavi esagerando? Fumare erba non ti fa sentire bene come una volta? Semplicemente vuoi prenderti una pausa? Non sei un mulo a cui vengono dati ordini. Chiediti il motivo della tua scelta. Poniti un obiettivo. E quando la tentazione arriverà ricordati perché lo stai facendo.
  • Volontà. Uscire da una dipendenza non è facile. Particolarmente i primi periodi. Ma armandoti di forza di volontà e seguendo i consigli sotto elencati per combattere i sintomi dell’astinenza il gioco è fatto.

Astinenza da cannabis. Quali sono i sintomi?

Hai capito che stavi esagerando. Decidi di smettere. Ed ecco il primo ostacolo che ti si presenta: crisi di astinenza da cannabis.

I sintomi che si possono presentare sono i seguenti:

  • Mal di testa.
  • Irritabilità.
  • Apatia.
  • Diminuzione dell’appetito.
  • Difficoltà nell’addormentarsi e problemi del sonno.

Rispetto a droghe pesanti e sostanze come la nicotina il periodo di astinenza sarà facilmente superabile. In poco tempo il tuo corpo tornerà ai livelli naturali di endocannabionoidi ma nel mentre ci sono diversi rimedi che posso aiutarti a combatterne i sintomi.

Il CBD per contrastare l’astinenza da cannabis

CBD per contrastare l'astinenza

Il Cbd è la soluzione perfetta per non rinunciare al sapore e al profumo della cannabis.

Cosa dicono gli studi? Il Cbd contrasta ed annulla alcuni effetti del Thc sul corpo e cervello.

La marijuana legale ridurrà gli effetti dell’astinenza da cannabis come ansia, irritabilità e mal di testa, rendendoli più lievi e tollerabili.

Leggi anche: 5 rimedi per smaltire il Thc velocemente e non essere beccati

Esercizio fisico: perfetto per combattere i sintomi dell’astinenza da marijuana

Fare sport porta innumerevoli benefici. Oggi vedremo come un’attività fisica regolare ti aiuterà a contrastare la tua astinenza da cannabis.

  • Per l’ansia. Praticare sport con regolarità e senza eccessi riduce ansia e stress. L’attività fisica stimola la produzione di endorfine e serotonina, che favoriscono il buon umore. Riduce il livello di cortisolo nel sangue, l’ormone coinvolto nello stress e nella depressione.
  • Per l’insonnia. Attività fisica e sonno sono strettamente legati. Circa 30 minuti di esercizio fisico ti aiuteranno a riposare meglio la notte. Ma ricorda. Il miglior momento per allenarsi è la mattina. Un allenamento troppo vicino all’orario in cui ci si corica potrebbe portare effetti opposti.

Astinenza da cannabis: i rimedi naturali efficaci che ti aiuteranno

Per ogni sintomo ci sono rimedi naturali efficaci che ti aiuteranno a superare questo breve periodo iniziale.

Per l’insonnia puoi ricorrere a tisane o gocce di erbe naturali:

  • Camomilla. Un’infuso di camomilla ti aiuterà a rilassarti e a dormire meglio.
  • Valeriana. La valeriana gode di proprietà calmanti che miglioreranno la tua qualità del sonno.
  • Melatonina. La melatonina ripristina i naturali ritmi biologici dell’organismo aiutando le persone che hanno difficoltà nell’addormentarsi.

L’irritabilità si cura con uno stile di vita sano.

  • Un ciclo di sonno regolare è essenziale per la tua tranquillità.
  • Fai attenzione alla tua dieta. Mangia meglio che puoi. Non ingurgitare qualsiasi cosa. Un giusto apporto giornaliero di vitamine e sali minerali ti aiuterà a contrastare l’astinenza al meglio. In particolare il magnesio, famoso per i suoi effetti rilassanti.

Per la mancanza di appetito puoi utilizzare i seguenti rimedi:

  • Assumi cibi ricchi di vitamine del gruppo B a elevato apporto di acidi grassi omega-6 e omega-3. 
  • Evita prodotti a base di farine raffinate, le bevande alcoliche, carni provenienti da animali da allevamento e il caffè.
  • Un bagno caldo è quello che ci vuole per ridurre stress e nervosismo e attivare la fame.
  • Tisane e infusi possono esserti d’aiuto. Prova quelle a base di menta piperita, il finocchio, tarassaco e radice di zenzero.
  • Ultima, ma non per importanza, la pappa reale che agisce come stimolante ed energizzante naturale.

Leggi anche: Rimedi (efficaci) per smaltire gli effetti della marijuana

Aiutiamoci a vicenda

Soffri o hai mai sofferto di dipendenza da marijuana? Racconta qui sotto la tua esperienza. Fammi sapere se questi consigli ti hanno aiutato. Ricorda: Consapevolezza, Obiettivo e Forza di volontà. Buon lavoro. Ci vediamo nel prossimo articolo.

Autore: Raffaele Migliucci

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *